Come rilanciare un ristorante in crisi e riavviare l’attività

Ecco come rilanciare un ristorante in crisi e a chi rivolgersi per farlo

I clienti sono sempre di meno e gli incassi non sono più quelli di una volta: quando i segnali di una  crisi iniziano a essere inequivocabili, è tempo di correre ai ripari e studiare un piano di rilancio dell’attività. Sono tanti i ristoratori che nell’arco della loro carriera hanno dovuto confrontarsi con dei momenti difficili, alcuni di loro sono riusciti a uscirne indenni, anche più forti, altri invece hanno scelto a malincuore di chiudere la loro impresa.

Purtroppo i ristoranti che hanno chiuso sono molti.

Un’indagine condotta da Unioncamere-Infocamere relativamente al periodo 2011-2015 ha fotografato una situazione non proprio rosea mettendo in evidenza le difficoltà incontrate dai ristoratori italiani. In base ai dati, il 45% dei locali ha chiuso a 3 anni dall’apertura, a 5 anni dall’inaugurazione il dato cresce ancora rivelando che solo 1 impresa su 3 è riuscita a sopravvivere.

Le cause che hanno portato alla chiusura i vari ristoranti sono ovviamente varie. L’opinione comune dei ristoratori è che le difficoltà incontrate sono nella maggior parte dei casi imputabili a  fattori esterni, indipendentemente da loro operato, i fatti però sono altri.

Se questo fosse vero, come mai nella stessa via si vedono spesso convivere due ristoranti, di cui solo uno ha successo? Il punto è che molti ristoratori pensano basti servire del buon cibo per garantirsi una clientela fissa, ma non è così. A determinare il successo di un’attività sono anche una serie di fattori che nulla hanno a che vedere con quanto viene servito.

Come rilanciare un ristorante in crisi rimediando agli errori più comuni

I dati hanno evidenziato che la maggior parte dei ristoranti si trova ad affrontare un momento difficile solo pochi anni dopo l’inaugurazione e molti sono costretti addirittura a chiudere. I primi clienti, attratti dalla nuova apertura, hanno smesso di tornare o hanno preferito recarsi in altri locali, determinando un grave calo degli incassi. Le cause di questa crisi non sono sempre imputabili a fattori esterni, spesso sono imputabili ad errori comuni che si compiono già in fase di lancio dell’attività. Eccone alcuni:

  • aprire un ristorante generico. Chi investe in un’attività che sa distinguersi, che si inserisce in un mercato specifico, ha più probabilità di avere successo. Di ristoranti-pizzerie ce ne sono tanti in giro, anche troppi. Pochi sono invece quelli che propongono prodotti alternativi o piatti tipici, o che puntano solo su alcuni alimenti, ad esempio vegan. La parola d’ordine è quindi differenziarsi, rendersi unici per fidelizzare e conquistare la clientela.
  • partire senza un progetto chiaro in cui non viene definita l’identità del locale. Un ristorante è un’impresa e come tale necessita di un piano di sviluppo per il futuro a cui fare riferimento per monitorare l’andamento del locale e capire se o come apportare cambiamenti utili.
  • pensare che la propria passione sia sufficiente per entrare nel mercato e lavorare con successo. È bene coinvolgere professionisti nell’avvio di progetti imprenditoriali per far sì che il vostro duri più a lungo possibile e che lavoriate nel miglior e dei modi.

Se hai commesso questi errori, quindi, puoi seguire questi primi passi per rilanciare il tuo ristorante e uscire dalla crisi:

  • evita di fare tutto da solo e richiedi la consulenza di un esperto che sappia guidarti e consigliarti al meglio nella progettazione della tua impresa.
  • studia un piano di rilancio per presentare il locale sotto una nuova veste: caratterizza l’offerta e investi su un cambio di arredo per creare un ambiente confortevole e invitante;
  • prepara un business plan a cui fare riferimento per tenere sotto controllo l’andamento dell’attività e monitorarne l’evoluzione;
  • investi sulla comunicazione, anche sui social. Crea un brand, metti in luce quello che fai, in che modo lo fai e la passione che ci metti.
  • fai attenzione alle recensioni dei clienti, anche quelle negative possono essere utili per indirizzare un cambio di rotta e comprendere meglio cosa è gradito e cosa lo è meno.

Come rilanciare un ristorante in crisi: a chi rivolgersi per una consulenza 

Rivolgendoti a Gi.Pa. In Formazione Consulting puoi capire come rilanciare un ristorante in crisi mettendo in atto strategie vincenti. Il team di professionisti di Gi.Pa. In Formazione può accompagnarti in ogni fase del rilancio della tua attività. Gli interior designer e gli architetti, per esempio,  possono trasformare il tuo ristorante studiando un progetto in 3D che dia forza al nuovo concept del tuo locale in cui ben si inseriscono pezzi di arredo unici e su misura. Un nuovo arredo, se ben studiato ha infatti diversi vantaggi: i clienti apprezzerebbero il rinnovo del tuo ristorante trovandolo più confortevole, vi entreranno con piacere e vi rimarranno più a lungo. Al tempo stesso puoi ottenere anche spazi di lavoro più funzionali e meglio organizzati.

Il team di Gi.Pa. In Formazione, avvalendosi della collaborazione di aziende specializzate nella realizzazione di arredi e attrezzature per attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, può realizzare qualsiasi progetto imprenditoriale, definito in base ai tuoi desideri e alla tua disponibilità di investimento. Per rilanciare il tuo ristorante, oltre ad occuparsi dell’aspetto architettonico e di interior design, potrà anche sviluppare soluzioni di brand identity e un piano di comunicazione  rivolto al tuo target specifico di clienti.

Gi.Pa. In Formazione potrà comunque seguirti in ogni fase del rilancio del tuo ristorante anche grazie alle partecipazioni societarie con A.P.R.E. Roma, azienda leader nel settore della consulenza fiscale, del lavoro e della contabilità e con Chemichal S.r.l., fra le più affermate aziende nel campo della progettazione e sicurezza alimentare e sicurezza sul lavoro nel territorio del Lazio e del nord Italia